Le tre cose che abbiamo imparato da Liverpool-Everton 5-2

0
147
Photo by Getty Images

Il derby del Merseyside regala sempre delle emozioni, negli anni ci ha abituato a vedere partite tiratissime che si sono risolte nei minuti finali. Anche questa volta questa partita ci ha regalato delle sensazioni uniche, che solo pochi match sanno dare. La squadra di Klopp attacca sin dal primo minuto e si porta in vantaggio con il gol di Divock Origi, l’attaccante belga sarà autore di una doppietta. Il secondo gol è di Shaqiri che sigla il 2-0 al minuto 17′, l’Everton rientra in partita grazie al gol del già citato Keane, ma questo non basta per provare a rimontare lo storico derby di Liverpool. Origi segna il gol del 3-1 e, successivamente, Sadio Manè segna anche il gol del 4-1, che sembra mettere fine alla partita. L’ultimo ad arrendersi è però Richarlison, che al minuto 48′ segna il secondo gol per gli ospiti e chiude un primo tempo spettacolare.

Photo by Getty Images

Nel secondo tempo le squadre entrano evidentemente più stanche, il dispendio di energie che si è visto nel primo tempo porta i giocatori a non poter esprimersi sugli stessi livelli visti nei primi 45 minuti. Il Liverpool gestisce e l’Everton non riesce a rendersi praticamente pericoloso, tranne un colpo di testa da posizione ravvicinata da parte di Richarlison. La squadra di Klopp mostra la propria superiorità e al 90′ chiude completamente i giochi col sigillo dell’olandese Wijnaldum. Per Marco Silva e i suoi giocatori non è un momento facile e vanno prese delle decisioni importanti per il bene di società e tifosi. I Reds continuano la loro scalata verso la vittoria finale del campionato e adesso si trovano ad otto punti di vantaggio rispetto al Leicester che continua a regalare belle prestazioni.

Formazioni

LIVERPOOL: Adrian, Arnold, Lovren, Van Dijk, Robertson, Wijnaldum, Milner, Shaqiri, Lallana, Manè, Origi

EVERTON: Pickford, Sidibè, Holgate, Keane, Mina, Digne, Iwobi, Davies, Sigurdsson, Richarlison, Calvert-Lewin

MARCATORI: Origi 6′, 31′, Shaqiri 17′, Manè 45′, Wijnaldum 90′ (LIVERPOOL) Keane 21′, Richarlison 48′ (EVERTON)

IL MIGLIORE: Sadio Manè, giocatore strepitoso, fornisce due assist e segna anche un gol, in queste condizioni fisiche  è impossibile fermarlo.

LE TRE COSE CHE ABBIAMO IMPARATO:

  1. Divock Origi ogni volta che viene chiamato in causa risponde presente, giocatore totalmente recuperato rispetto a due stagioni fa.
  2. Anche se Klopp cambia gli interpreti, riesce a trarre risultati positivi con giocatori che si potevano perdere e che invece sono risultati decisivi in partite come questa.

Marco Silva con le big fa troppa difficoltà e non trova mai la soluzione giusta per controbattere le mosse degli avversari.

Filippo Accardo

Filippo Accardo

Studente, appassionato di calcio, sport a cui dedico gran parte del mio tempo.
Passo le mie giornate tra una lezione di Filosofia e una versione di Greco, ma alla letteratura preferisco 22 persone che rincorrono un pallone.
Anche questa è poesia.