Tre motivi per cui non dovete perdervi Brentford-Fulham

0
325

L’attesa sta per finire, e oggi dalle 20.45 sapremo chi salirà in Premier League tra Brenford e Fulham. A Wembley andrà in scena una partita tutt’altro che scontata, visto il minimo distacco che le ha separate in classifica, ma soprattutto perché siamo difronte a due compagini che hanno incantato tutti gli appassionati di football per la loro sfrontatezza offensiva. Sono molte le ragioni per le quali questa partita va seguita assolutamente, ecco tre motivi per cui non dovete perdervi questo confronto.

Brentford per la storia

Nella migliore stagione da cinque anni le Bees hanno l’opportunità di fare le cose in grande. La squadra allenata da Thomas Frank, infatti, in caso di vittoria otterrebbe per la prima nella storia del club volta la promozione nella massima serie, la Premier League. E questo è sicuramente il pensiero fisso della società, che dopo 131 anni potrebbe finalmente godere dei benefici economici del primo campionato britannico. Promozione che gioverebbe soprattutto ai numerosi talenti, Benrahama su tutti, che si misurerebbero ad un livello superiore testando le proprie capacità contro grandi squadre e non solo. Avere la meglio nel match contro il Fulham avrebbe una doppia importanza dal punto di vista storico, dato che il Brentford ha di recente detto addio al Griffin Park. Meglio salutarlo onorandone la memoria.

Rampa di lancio per Scott Parker

In molti avrebbero scommesso sull’esonero di Scott Parker e su una stagione di assestamento in casa Fulham dopo la retrocessione, ma così non è stato. L’ex allenatore delle giovanili degli Spurs ha saputo ristabilire un equilibrio tra giocatori e tifosi. Soprattutto a quest’ultimi ha trasmesso con fermezza e convinzione la propria ideologia calcistica basta sulla costruzione del gioco a partire da dietro, con frequenti e repentine verticalizzazioni. Un allenatore che, secondo gli esperti, è destinato a fare carriera per le sue idee innovative e la partita di domani costituisce un’occasione gigantesca per lanciare Parker nell’olimpo degli allenatori professionisti. Inoltre, non capita spesso che un ex bandiera raggiunga tali risultati al suo primo rodeo; ma da qualche parte bisogna pure cominciare.

 

Watkins e Mitrovic a confronto

E’ sfida nella sfida anche tra i giocatori in campo. Brentford-Fulham sarà anche il confronto tra i due giocatori più prolifici della Championship. Da una parte abbiamo Aleksandar Mitrovic, capocannoniere del torneo con 26 reti e trascinatore dei Cottagers che rientra dopo tre turni di squalifica. Dall’altra abbiamo uno dei giocatori rivelazione di quest’anno, Ollie Watkins; il centravanti inglese ha trascinato i suoi al terzo posto ed è stato decisivo nei momenti chiave della stagione con i suoi 25 goal. Entrambi sono validi elementi che scalpiterebbero per giocare in ogni squadra di Premier e faranno di tutto per dimostrarlo.