5 cose che (forse) non sai su Nicolas Pépé

0
179
LONDON, ENGLAND - FEBRUARY 27: Nicolas Pepe of Arsenal in action during the UEFA Europa League round of 32 second leg match between Arsenal FC and Olympiacos FC at Emirates Stadium on February 27, 2020 in London, United Kingdom. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Nonostante l’inizio di stagione negativo dell’Arsenal, culminato con l’esonero di Emery, la squadra di North London può ancora sperare di qualificarsi per l’Europa League e soprattutto può ancora dire la sua in FA Cup. Per centrare questi due obiettivi Mikel Arteta spera che Nicolas Pépé, forse il giocatore con più talento in rosa, torni ad essere l’attaccante magnifico ammirato al Lille lo scorso anno. Andiamo a vedere 5 cose che (forse) non sai sul nazionale ivoriano.

1 – GLI INIZI TRA I PALI

Nicolas Pépé “nasce” calcisticamente come portiere. Fino ai quattordici anni ha “protetto” i pali dell’ Fc Solitaires Paris-Est, piccolo club parigino. L’attaccante ha dichiarato a France Football che questa esperienza giovanile lo sta aiutando moltissimo ora che ricopre il ruolo di ala: Io so come un portiere si muove in determinate situazioni perciò capisco perfettamente come e dove calciare il pallone”.

2 – L’IDOLO D’INFANZIA

Il suo giocatore preferito è Cafù, un calciatore che in pochi si aspetterebbero considerata la giovane età e il ruolo di Pépé.

3 – IL NUMERO DI MAGLIA

Il numero di maglia scelto dall’attaccante è un “omaggio” alle sue origini. Il 19 rappresenta il diciannovesimo arrondissement di Parigi, il quartiere in cui è nato e cresciuto.

4 – MR. 80 MILIONI

Non tutti sapranno che, con il trasferimento dal Lille all’Arsenal della scorsa estate, Nicolas Pépé è diventato il calciatore africano più costoso della storia del calcio. 80 milioni di euro spesi per il suo cartellino, una cifra importantissima che dimostra quanto i Gunners puntino su di lui nei prossimi anni.

5 – CINA, NO GRAZIE

Nel gennaio del 2019 l’attaccante ha rifiutato categoricamente l’allettante offerta proveniente del Dalian Yifang. Il club cinese era pronto a mettere sul piatto 70 milioni di euro, più 10 di eventuali bonus, per il suo cartellino. Proposta accettata dal Lille ma declinata da Pépé, motivato più che mai a fare la differenza in Europa.

di Andrea Gozio