La scalata di Richarlison: “Ora voglio i trofei con l’Everton”

0
136

Uno fra i giocatori di maggior talento in Premier League è sicuramente Richarlison, attaccante brasiliano accostato negli scorsi mesi al Barcellona e al Manchester United.

Il giocatore sbarcò in Inghilterra tre anni fa, il club che puntò per primo su di lui fu il Watford che lo prelevò dal Fluiminense per una cifra pari a 12 milioni di euro. Il calciatore disputò una buona annata con gli Hornets, l’impatto col calcio europeo fu buono tanto che nell’estate del 2018 fu acquistato dall’Everton.

I Toffees hanno investito fortemente sul ragazzo classe ’97, arrivando a spendere per il suo cartellino 50 milioni di sterline. Richarlison ha ripagato fin da subito l’investimento fatto su di lui: la stagione 2018/2019 sancisce la sua consacrazione in Premier League, segna 13 reti; un bottino di tutto rispetto per un attaccante che ricopre più ruoli. Il giocatore lanciato dal Fluminense può giocare come prima punta, il suo ruolo naturale, ma anche come ala destra o ala sinistra.

Nel settembre del 2018 fa il suo debutto con la nazionale brasiliana, da allora ha disputato 19 partite con la Selecao, diventando un elemento importante della squadra allenata da Tite. Tutti ricorderanno l’impatto decisivo che ha avuto il suo ingresso durante la finale di Copa America disputata dal Brasile contro il Perù la scorsa estate; fu proprio lui che siglò il rigore del 3 a 1 che chiuse la partita e consegnò la coppa ai brasiliani.

In questa stagione in corso il numero 7 dell’Everton è il trascinatore delle squadra allenata da Carlo Ancelotti. Nonostante il pessimo avvio di stagione dei Toffees il suo rendimento è sempre stato di alto livello; rendimento che è ulteriormente migliorato con l’arrivo del tecnico di Reggiolo lo scorso dicembre. L’allenatore ex-Milan ha liberato il gioiello brasiliano dai compiti difensivi rendendolo così più pericoloso sotto porta.

Negli scorsi giorni Richarlison ha parlato apertamente a evertonfc.com dei suoi prossimi obiettivi:“I traguardi che voglio raggiungere sono molto chiari nella mia testa e sono fra di loro tutti collegati, voglio vincere trofei con la maglia dell’Everton; inoltre voglio essere ricordato come un giocatore che ha fatto la storia di questo club”. Richarlison desidera far bene anche con la sua nazionale:“Voglio essere convocato con costanza, voglio giocare il prossimo mondiale; ovviamente per essere selezionato devo continuare a giocare bene e a segnare qui a Liverpool”.

Queste dichiarazioni per ora allontano le voci di mercato che lo hanno visto protagonista lo scorso mese di gennaio quando i Toffees rifiutarono l’offerta di 85 milioni di sterline giunta dal Barcellona. L’idea in società è di fare del numero 7 brasiliano il simbolo della rinascita dei Blues, che ormai da troppi anni sono la seconda squadra di Liverpool.

Possiamo dire che gli obiettivi di Richarlison sono chiari e non possono che fare contenti i tifosi dell’Everton, in sole due frasi giura fedeltà al club che lo ha fatto diventare grande e soprattutto promette vittorie e trofei che mancano dalle parti di Goodison Park dal lontano 1995.

di Andrea Gozio