LIVERPOOL 3-0 BOURNEMOUTH, pagelle e tabellino: è tornato il Liverpool?

Il Liverpool gioca una partita di altissimo livello stendendo 3-0 il Bournemouth di Eddie Howe. Gran partita di Firmino e Keita, calati nelle ultime uscite

0
107
liverpool anfield
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic License. CC - RuaraidhG

C’è un’atmosfera particolare oggi ad Anfield. La partita si aspetta sempre con molta trepidazione intendiamoci, ma i quattro punti lasciati per strada negli ultimi 10 giorni lasciano nell’aria quella dose di incertezza tipica delle situazioni in cui non sai se la tua squadra è appena entrata in una piccola crisi, dovuta alla pressione e alle aspettative ormai a mille da parte di chi la circonda, oppure ha solo trovato in quei cinque giorni un incidente di percorso. È il solito You’ll Never Walk Alone comunque, quello che accoglie LiverpoolBournemouth al loro ingresso in campo. Caldo, coinvolgente, sincero.

In campo comunque ci vanno gli 11, che non è che siano necessariamente sciolti ad inizio partita. Anzi sono proprio le Cherries ad andare vicino al gol in avvio, con un bel tiro a giro di Fraser che viene disinnescato da Alisson. Il centrocampo controlla bene, la difesa è sulla linea di metà-campo, ma l’attacco non riesce ad incidere. Fino a quando sugli sviluppi di un corner Milner mette un’ottima palla a giro in mezzo, e chi volete che arrivi? Quel Sadio Mane al quarto gol in altrettante partite, letteralmente il salvatore della patria nelle ultime uscite. Il senegalese colpisce forte di testa, non dando a Boruc, ormai portiere titolare, la possibilità di reagire, va verso la curva a festeggiare e abbraccia sicuro i compagni. L’atmosfera si è finalmente distesa, la Kop continua incessantemente a cantare. 10 minuti dopo, giusto il tempo di vedere Salah lisciare un pallone clamoroso, il rientrante Wijnaldum si inserisce in area e con un pallonetto dolcissimo di esterno destro scavalca il portiere. Nel suo sguardo così sicuro c’è tutto il momento dei Reds, che sembrano essersi scrollati in un attimo tutte le paure di dosso. Adesso ci siamo.

Al rientro dagli spogliatoi non c’è neanche il tempo per il Bournemouth per capire cosa stia succedendo. Keita, finalmente tornato ai suoi livelli, dà una palla splendida in profondità a Firmino che, da meraviglioso prestigiatore qual è, colpisce di tacco per lasciare solo davanti al portiere Salah.

Dopo l’erroraccio del primo tempo, l’egiziano è chirurgico nel diagonale che porta i padroni di casa sul 3-0. Il Bournemouth è già fuori dal campo, il Liverpool continua a macinare gioco: prima Salah ha una doppia occasione (paratona di Boruc e traversa), poi Firmino in contropiede prova a piazzare ma la manda tra le mani di Boruc. Ci prova anche l’altro rientrante Alexander-Arnold, solo dopo un’altra palla illuminante di Bobby. Ma anche lì Boruc risponde presente. Fischia Taylor, 3-0 netto. È tornato il Liverpool?

TABELLINO LIVERPOOL 3-0 BOURNEMOUTH

Gol: 24′ Mane (LIV), 34′ Wijnaldum (LIV), 48′ Salah (LIV).

Ammoniti: 25′ Rico (BOU), 38′ Smith (BOU); 62′ Matip (LIV), 87′ Firmino (LIV).

Espulsi: 

Arbitro: A. Taylor.

Stadio: Anfield, Liverpool.

FORMAZIONI E PAGELLE

Liverpool (4-3-3): Alisson 6; Milner [C] 6, Matip 6,5, Van Dijk 6,5, Robertson 7; Keita 7, Wijnaldum 7 (dal 77′ Alexander-Arnold 6), Fabinho 6,5; Mane 7 (dal 87′ Origi SV), Salah 6,5, Firmino 6,5 (dal 90′ Sturridge SV). All: J. Klopp 7.

Sostituti non usati: Camacho, Henderson, Lallana, Mignolet.

La squadra si riprende alla grande dopo le due ultime partite interlocutorie. Nei primi minuti si vede che la pressione si sente, ma piano piano i singoli si sciolgono. Tutti i gol sono ben costruiti, soprattutto il terzo, frutto di due giocate deliziose di Keita e Firmino. Una bella risposta ai detrattori dell’ultima ora. I Reds sembrano esserci.

Il migliore – Andy Robertson. Un treno, letteralmente un treno. Si fa trovare un po’ spiazzato all’inizio, fuori posizione. Poi dopo qualche minuto di assestamento prende le misure ad Ibe e lo annulla dal campo. In attacco non si ferma mai, mettendo anche un gran bell’assist. Davvero ottima partita.

Il peggiore – Milner. Il capitano di giornata va nel suo ruolo non naturale di terzino destro. Va subito in difficoltà su Fraser, quando Alisson limita bene lo scozzese. Poi spinge e serve anche un assist, ma sono tanti gli interventi e le scelte di tempo sbagliate.

Bournemouth (4-5-1): Boruc 7; Smith 6,5, Cook 6, Aké 5, Rico 6 (dal 80′ Mepham SV); Ibe 5 (dal 59′ Solanke 6), Lerma 5 (dal 73′ Mousset 6), Gosling 5,5, Surman [C] 5, Fraser 5,5; King 5,5. All: E. Howe 5,5.

Sostituti non usati: Begovic, Simpson, Surridge, Taylor.

Nel complesso partita molto negativa dal centrocampo in su. Paradossalmente infatti la difesa è il reparto che si comporta meglio: Boruc si supera più di una volta, mentre i terzini tutto sommato non vanno ogni volta in apnea. Malissimo Ibe e Lerma, anche King e Fraser non bene. Howe deve capire come risolvere il problema trasferta.

Il migliore – Artur Boruc. Il portiere polacco, dopo aver rubato il posto a Begovic nelle ultime settimane, si esibisce in un ottima partita. Compie alcune parate decisive per non rendere il risultato più rotondo: una su Salah, un’altra in particolare su Alexander-Arnold. Davvero incolpevole sui gol.

Il peggiore – Ibe e Lerma. I due centrocampisti non riescono minimamente ad incidere, anzi spesso vanno in difficoltà. Ibe dopo una fiammata iniziale si spegne quasi subito, venendo molto ben contenuto da Robertson. Lerma si fa inghiottire dal centrocampo dei Reds: Keita in particolare non gli permette mai di venire fuori. Partita totalmente da dimenticare.

 

 

 

 

Daniele Calamia

Daniele, 21 anni. Palermitano, studente di Economia, innamorato della Premier League. Curo i 'corner' delle due di Liverpool.
"2.5.15, ultimo gol di StevieG ad Anfield, io c'ero!".