Le scomode panchine londinesi

0
224

Dalle parti di Londra si stanno vivendo attimi di grande incertezza dal punto di vista calcistico, la capitale sta attraversando un momento di grande difficoltà testimoniata dalla presenza di una sola squadra (il Chelsea di Lampard) tra le prime sette della classifica. Troppo poco per una città che può vantare 6 squadre nel massimo campionato inglese. Dalle parti del nuovo White Hart Lane la situazione questa situazione precaria sembra giunta al termine negli ultimi giorni con il club che ha deciso di esonerare Mauricio Pochettino assumendo al suo posto lo Special One , Jose Mourinho, che, al suo esordio ha vinto fuori casa contro il West Ham.

La sconfitta casalinga contro gli Spurs di sabato ha complicato ulteriormente la situazione in casa Hammers. I ragazzi di Pellegrini non vincono dal 22 Settembre 2019, giorno in cui batterono il Manchester United grazie al gol di Aaron Cresswell. Da quel momento in poi, il West Ham è riuscito a raccogliere solamente due punti ottenuti grazie ai pareggi contro Bournemouth e Sheffield United. Tuttavia però i risultati non sono stati deludenti solo in campionato infatti, pochi giorni dopo la vittoria contro i Red Devils, è arrivata l’eliminazione dal EFL Cup per mano del Oxford United (club che milita in League One ovvero la terza serie inglese) che si impose con un sonoro 4 a 0. Un fattore che ha sicuramente contribuito al crollo dei risultati di questo club è stato l’infortunio del portiere titolare, Lukas Fabianski. Il poritere polacco si è fatto male nella trasferta di Bournemouth, dovendo uscire dopo appena mezz’ora sostituto dal vice Roberto. Il portiere spagnolo sta deludendo le aspettative dimostrandosi poco affidabile soprattutto nelle uscite, molti gol subiti ahimè nascono anche da errori dell’estremo difensore.

Spostiamoci adesso di pochi chilometri, più precisamente dalle parti del Emirates Stadium dove possiamo vedere un’altra panchina molto in bilico: quella di Unai Emery. L’ex allenatore del PSG non vince in campionato dal 6 Ottobre 2019, giorno della vittoria casalinga contro il Bournemouth. Da quel momento in poi l’Arsenal ha raccolto pochissimo, mostrando molto spesso una fragilità difensiva che negli ultimi anni sembra essere diventata il suo marchio di fabbrica. Se tutto ciò non bastasse, è emerso una situazione molto precaria nello spogliatoio dopo la vicenda Xhaka. A distanza di settimane dalla partita casalinga contro il Palace, non si sa ancora chiaro chi possa diventare il capitano del Arsenal nel futuro immediato. Vista la carenza di risultati dei Gunners, i giornali inglesi cercano di capire chi possa sostituire Emery in caso di esonero, ultimamente si parla con insistenza di un sondaggio da parte della dirigenza londinese per Massimiliano Allegri, ex allenatore della Juventus da sempre stato molto affascinato dal massimo campionato inglese.