Le tre cose che abbiamo imparato da Bournemouth-Arsenal 1-2

0
315

Sotto la pioggia torrenziale di Bournemouth, l’Arsenal conquista il pass per il quinto turno di FA Cup battendo le Cherries al Vitality Stadium con il risultato di 2 a 1. Agli ospiti sono bastati i gol di Saka e Nketiah per annientare un avversario che questa sera è sembrato per gran parte della partita poco pericoloso. A poco è servito il gol di Surridge nei minuti finali del match. Al prossimo turno i Gunners torneranno sulla costa meridionale inglese più precisamente a Portsmouth dove affronteranno i Pompey nella splendida cornice di Fratton Park.

Il primo tempo si apre con il gol del vantaggio ospite che arriva dopo appena 5 minuti. A segnarlo è Bukayo Saka che con un ottimo tiro di sinistro batte un incolpevole Travers. I padroni di casa non riescono a reagire e subiscono il gol del raddoppio al minuto 25. L’assist è firmato da un Saka in serata di grazia che serve Nketiah il quale indirizza il pallone nell’angolo in basso a destra. Nulla da fare per il portiere del Bournemouth. L’Arsenal va negli spogliatoi con un vantaggio di due reti a zero. Nella ripresa il risultato fatica a cambiare nonostante i numerosi tentativi dei padroni di casa. Il gol della bandiera arriva negli ultimi minuti del match grazie al gol di Surridge. Il ragazzo, prodotto del settore giovanile del Bournemouth, segna davanti ai suoi tifosi il suo primo gol con la maglia delle Cherries con un tiro di destro indirizzato nell’angolino in basso a destra. Troppo tardi però per i padroni di casa che vengono così eliminati dalla FA Cup.

Bournemouth (4-4-1-1): Travers; Smith, Cook, Akè, Simpson; Wilson, Surman, Gosling, Cook; Fraser; Solanke

Arsenal (4-2-3-1): Martinez; Saka, Sokratis, Mustafi, Bellerin; Xhaka, Guendouzi; Martinelli, Willock, Pepè; Nketiah

Marcatori: Saka 5′, Nketiah 25′, Surridge 94′

Il migliore- Bukayo Saka: Questo ragazzo , classe 1998, questa sera ha stupito tutti grazie alla sua ottima prestazione. Segna il suo secondo gol stagionale con la maglia dei Gunners servendo anche l’assist per il gol del raddoppio. Nonostante questi mesi difficili in casa Arsenal, il talento di Bukayo sembra emergere sempre di più partita dopo partita.

Le tre cose che abbiamo imparato da Bournemouth-Arsenal 1-2:

  • Dopo la prestazione convincente della scorsa giornata di Premier League in cui il Bournemouth ha prevalso sul Brighton per 3 reti a 1, ci si aspettava tutt’altra prestazione questa sera. I ragazzi di Howe hanno subito il gioco dei Gunners non riuscendo ad approfittare dei numerosi momenti di fragilità della difesa londinese. Dopo l’eliminazione dalla FA Cup di questa sera ci si aspetta il massimo sforzo per raggiungere l’obiettivo tanto desiderato: la salvezza.
  • L’Arsenal ha retto bene l’assenza pesante di Aubameyang riuscendo a vincere una partita non semplice. Arteta ha deciso di affidarsi nuovamente ai giovani che non hanno deluso le sue aspettative. Nota di merito per Nketiah, ragazzo classe 1999 appena rientrato dal prestito con il Leeds, che proprio oggi ha siglato il secondo gol per i Gunners.
  • Convince sempre di più questo Arsenal in formato “Baby”. Da segnalare l’ottima prestazione del solito Martinelli, autore di un assist, e di Willock, trequartista diventato ormai parte integrante della prima squadra.