Lo strano caso di Pochettino: un anno dopo l’esonero è ancora senza panchina

0
69
photo by Getty Images

E’ passato un anno esatto da quel 19 novembre 2019 quando il Tottenham, a causa di un avvio deludente di stagione, decise di esonerare Mauricio Pochettino chiamando a Londra José Mourinho. Dalla gloria della finale di Champions League raggiunta solamente pochi mesi prima, ad un licenziamento probabilmente anche ingiusto rispetto a quanto fatto dall’allenatore argentino durante i cinque anni trascorsi sulla panchina londinese.

Un progetto, quello degli Spurs, cresciuto incredibilmente grazie anche al carisma del tecnico argentino. Un’esperienza che ha proiettato Pochettino nell’élite dei migliori allenatori in circolazione e che ciclicamente accosta all’argentino le principali panchine traballanti tra i top 5 campionati in Europa.

Ad un anno dall’esonero, però, l’ex Tottenham non ha incredibilmente ancora trovato un nuovo club. Eppure sono mancate le voci sul suo conto, basti pensare che sino a questo momento sono addirittura nove i club a cui è stato associato: Manchester United, Manchester City, Real Madrid, Barcellona, Juventus, Newcastle, Benfica, Monaco e Zenit.

Insomma, un bel po’ di pretendenti, tra società più blasonate e altre meno, ma che concretamente sino ad oggi non hanno mai portato in fondo la trattativa con l’argentino. Sia perché in alcuni casi è stata presa una scelta diversa, come capitato a Barcellona e Juventus, oppure per il rifiuto dello stesso Pochettino a progetti poco allettanti.