Preview Leicester-Chelsea: cosa aspettarsi dal big match di stasera?

0
114
Rodgers e Lampard (©Getty Images)

Al King Power Stadium, va in scena la sfida fra Leicester e Chelsea, valevole per la diciottesima giornata di Premier League. Alle 21.15, inizierà lo spettacolo di uno scontro che, si preannuncia decisivo e rilevante ai fini della classifica. Come ci arrivano, però, le due protagoniste? Ecco la situazione con la quale si presentano entrambe le squadre che questa sera, si daranno battaglia per novanta minuti. Sei punti dividono Foxes e Blues, che vivono momenti opposti. Vediamoli nel dettaglio.

I ragazzi di Brendan Rodgers, sulle ali dell’entusiasmo dopo il recente successo in campionato col Southampton, punteranno alla vittoria per proseguire la striscia positiva intrapresa da inizio stagione. Le Foxes, nelle ultime cinque sfide di Premier League, hanno raccolto tre vittorie (contro Tottenham, Newcastle e Southampton) e due pareggi, fra cui quello interno del Boxing Day contro il Manchester United. Terzi in classifica e in piena zona Champions, gli uomini di Rodgers, si affideranno al solito, intramontabile, Jamie Vardy. L’attaccante inglese, infatti, è a quota 11 reti in campionato. Sarà il punto di riferimento delle Foxes, che affideranno il peso del proprio attacco alle sue qualità. Obiettivo? Far male alla retroguardia del Chelsea e conquistare i tre punti.

La squadra di Frank Lampard invece, dopo essersi risollevata grazie alla vittoria esterna sul campo del Fulham, ha l’obbligo di puntare sulla continuità di prestazione e risultato. Nelle ultime cinque uscite di Premier League infatti, i Blues, hanno collezionato solo due vittorie (contro West Ham e appunto, Fulham) ed un pareggio. Troppo poco. Nel mezzo, pesano le altrettante sconfitte con Arsenal e Manchester City. Tornando al presente, i Blues, con ogni probabilità, punteranno sulla qualità di Mason Mount per strappare punti al Leicester. Il protagonista dell’ultimo successo, sarà il punto di partenza sul quale costruire una strategia vincente. Insomma, serve vincere e convincere per risalire la classifica. Subito. Il settimo posto, non basta.