Una partita che vale una stagione: storia della prima finale di League Cup

0
150

5 Settembre 1961. Birmingham, Inghilterra. Al Villa Park si affrontano Aston VillaRotherham nella finale di ritorno della prima League Cup. I Villans sono chiamati all’impresa dopo la sconfitta per 2 a 0 dell’andata. L’avversario è molto ostico: il Rotherham United guidato da Tom Johnston, allenatore che in breve tempo, ha risollevato le sorti di questo club. Il sogno della vittoria finale pare allontanarsi sempre di più dopo la brutta sconfitta nello Yorkshire. I gol di Kirkman e Webster sembrano condannare l’Aston Villa in vista del replay a Birmingham. Niente paura però. Allo stadio si presentano 30.000 tifosi, quasi tutti con le loro sciarpe claret and blue. Poco importa se i loro beniamini partono da un risultato di svantaggio, dalle parti di Villa Park regna quel motto reso celebre dalle parti di Anfield, ma rappresentativo di tutte le tifoserie inglesi: “You never walk alone”. Il gol non tarda ad arrivare. Dopo 67 minuti arriva il gol del vantaggio firmato da Henry Burrows. L’attaccante, ricordato comunemente con il nome “Harry”, inizia a giocare proprio nelle giovanili dell’Aston Villa, club dove rimarrà fino al 1965, anno della cessione allo Stoke City. Dopo appena 2 minuti dalla prima rete, i padroni di casa trovano il gol del raddoppio, questa volta siglato da Peter James McParland. Rimarrà a Birmingham solo fino al 1962, dopo aver segnato 98 gol con la maglia claret and blue. Risultato in parità, si va ai supplementari. Dalle parti del Villa Park si respira aria pensate mista a quella consapevolezza che, qualsiasi sarà il risultato, i ragazzi scesi in campo hanno dato il massimo. Tutto tace fino al minuto 109. Alan O’Neill insacca per il terzo gol dei Villans regalando ai 30.000 del Villa Park la gioia che solo la vittoria di una coppa può dare. Quella stagione si concluderà con un ottimo nono posto in campionato.

Domenica a Wembley si affronteranno Aston Villa e Manchester City nella finale di Carabao Cup in un match che vale una stagione per i ragazzi in claret and blue. Non ci si gioca solo una coppa, ma anche una stagione iniziata con aspettative alte, ma che con il passare del tempo ha deluso un po tutti. I pronostici danno i Villans nettamente in svantaggio, anche se dalle parti di Villa Park tutti sanno quanto possa essere ingannevole prevedere il risultato finale. Dal 1961 al 2020. 59 anni dopo, lo stesso obiettivo: vincere la League Cup.

Zaina Alberto