Quanto costano le maglie dei club di Premier League?

0
542

La Premier League è uno dei campionati più ricchi e spettacolari al mondo capace di affascinare migliaia di tifosi provenienti da ogni parte del globo. Gli incassi tra sponsor e diritti tv permettono alle squadre di mettere da parte un’ingente somma che poi i club utilizzano come meglio credono.

Molti tifosi inoltre contribuiscono ad incrementare gli introiti della propria società comprando ogni anno la maglia della squadra del cuore; spesso non vengono attratti dal fattore estetico ma è tutta una questione di fede, motivazione che spinge ad acquistare a tutti i costi. Detto ciò, uno studio di Calcio&Finanza mostra come in Premier League in media si ha la possibilità di spendere meno rispetto al resto dei maggiori campionati europei.

Come è possibile notare, le maglie più costose sono quelle di Chelsea, Manchester City e Manchester United, tre club tra i più vincenti di tutto il panorama calcistico inglese e mondiale, motivo per il quale questo dato non ci sorprende affatto visti gli innumerevoli appassionati intrigati da una di queste magliette; 90 euro per acquistare la maglia ‘replica’, mentre si superano i 100 euro in caso di personalizzazione della maglia stessa, fino ai 105. Un prezzo che si potrebbe anche definire eccessivo, ma che se messo a confronto con molte big d’Europa risulta in alcuni casi tra i più bassi, basti pensare che in Serie A la maglia della Fiorentina costa 99 euro senza personalizzazioni. Nella grafica riportata non si tiene conto della Patch della Premier League il cui costo varia in una fascia da tre a cinque euro. Colpisce il costo delle maglie di Arsenal e Liverpool; 66 euro sono apparentemente pochi considerando il blasone che queste due squadre possono vantare. Chi desidera acquistare la maglia dei Reds e personalizzarla con il proprio nome o quella di un giocatore, spenderà meno rispetto a chi vuole quella dei londinesi. Altra squadra della capitale è il Tottenham che invece fissa un prezzo ben più alto posizionandosi subito dopo le “tre teste di serie” di questa tabella.

Tra le squadre di media fascia sorprendono le maglie di Aston Villa ed Everton che costano di più di quelle dei campioni del mondo in carica ma consentono una personalizzazione a pari prezzo. Questo dato ci consente di comprendere come i criteri utilizzati per stabilire il costo non hanno nulla a che vedere con il campo; se così fosse i supporters dei Toffies dovrebbero risparmiare ampiamente rispetto ai loro rivali.

 

Numerose sono le società che fissano un prezzo base di 61 euro per la maglia replica, il costo però diventa esoso nel momento in cui si deve procedere alla modifica. Nel caso di Leicester e Newcastle ogni numero aggiunto vi costerà una sterlina e addirittura quattro per ogni lettera stampata. Opposto è l’approccio usato dallo Sheffield United rispetto alle ultime due mentre tra le maglie più economiche spiccano quelle di Norwich, Crystal Palace, Burnley e Bournemoth che incassano la modica cifra di 55 euro ad ogni acquisto effettuato.

Le squadre di Premier League attraverso i propri siti ufficiali stanno dando il via, proprio in questo periodo, a numerosi sconti che vanno dai 5 ai 15 euro rispetto al prezzo di base di inizio stagione mostrato dal grafico; gennaio è inoltre, come ben sappiamo, mese di saldi e per questo motivo non bisogna lasciarsi sfuggire le numerose occasioni offerte, una su tutte la maglia casalinga del Manchester City che momentaneamente è in vendita a soli 57 euro. Alle seconde e terze maglie di gara vengono applicate ulteriori convenzioni per garantire una maggiore accessibilità globale al prodotto.

Luca Marcat