FULHAM 1-2 LIVERPOOL, pagelle e tabellino. Reds masochisti ma vincenti

0
477

Benvenuti nella magica cornice di Craven Cottage. Un Fulham con mezzo piede in Championship riceve un Liverpool che mercoledì ha mostrato i muscoli in Champions League eliminando il Bayern Monaco. Scott Parker presenta i suoi con Anguissa e Seri in mezzo al campo, Klopp ripropone Lallana, reduce dalla buona prestazione contro il Burnley.

Il primo tempo è abbastanza noioso nella prima parte. Il Liverpool ha un’occasione con Robertson che però spreca l’ultimo passaggio. Al 25′ colpisce Sadio Mane. Il senegalese dialoga con Firmino e batte Sergio Rico al centro della porta. Gol fondamentale! I padroni di casa provano a reagire, ma Cairney manda in tribuna su invito di Babel. Dopo un minuto di recupero finisce la prima frazione.

Nel secondo tempo Firmino ha subito la chance di chiuderla. Il suo colpo di tacco è però stoppato in maniera decisiva da un positivo Fosu-Mensah. Poi Wijnaldum colpisce di testa da un metro, ma manda alta la sfera. I Reds continuano a premere, ma sono i Cottagers che trovano il pareggio con una correzione in rete di Ayite. Per fortuna degli ospiti però il guardalinee alza la bandierina: fuorigioco! Poi è Anguissa, dopo un pericoloso contropiede, a concludere da fuori, ma Alisson blocca in tuffo. La partita si accende e al 73′ rispondono i Reds: angolo di Alexander-Arnold e testa di Mane che scheggia la traversa. Due minuti dopo accade l’incredibile: Van Dijk, pluri-incensato difensore in rosso, commette un errore madornale in retro passaggio al portiere. Ne approfitta Babel con il più classico dei gol dell’ex, 1-1 e titolo che scivola sempre più via.

Le vicende tragicomiche sono però dietro l’angolo per il Fulham, che a dieci dalla fine si suicida con Sergio Rico che regala un rigore al Liverpool. Batte centrale Milner, che con calma olimpica lo spiazza e rimette i Reds davanti. Fischia tre volte Pawson: il Liverpool, sebbene col patema finale, batte il Fulham. La testa della classifica almeno per qualche giorno si tinge nuovamente di rosso. Cottagers sempre più vicini alla matematica retrocessione.

TABELLINO FULHAM 1-2 LIVERPOOL

Gol: 25′ Mane (LIV), 81′ Milner rig (LIV); 74′ Babel (FUL).

Ammoniti: 39′ Fabinho (LIV); 66′ Anguissa (FUL), 90+4′ Bryan (FUL).

Espulsi:

Arbitro: C. Pawson.

Stadio: Craven Cottage.

FORMAZIONI E PAGELLE

Fulham (4-2-3-1): Sergio Rico 5; Fosu-Mensah 6,5 (dal 73′ Christie 5,5), Chambers 5, Ream 5,5, Bryan 5; Seri 5 (dal 65′ Sessegnon 6), Anguissa 6,5; Ayite 6, Cairney 5 (dal 82′ Kebano 6,5), Babel 7; Mitrovic 5,5. All: S. Parker 6.

Sostituti non usati: McDonald, Odoi, Fabricio, Vietto.

Fulham abbastanza negativo nel primo tempo, con diversi errori tecnici e una sola occasione, peraltro mal sfruttata. Nel secondo si cambia registro e si va all’attacco. Il gol arriva su un clamoroso errore avversario, ma la voglia di riscatto paga dividendi e il Liverpool va in difficoltà. Peccato per l’errore finale…

Il migliore – Ryan Babel. L’olandese, al Liverpool dal 2007 al 2010, si rende protagonista di una partita di pregevole fattura. Manda spesso in difficoltà il diretto avversario, poi segna un gol credendo nell’errore di Van Dijk dove chiunque altro probabilmente avrebbe desistito. Il Fulham starebbe messo ancora peggio senza di lui.

Il peggiore – Sergio Rico. Il portiere spagnolo è veramente una liability per i suoi. Totalmente indeciso durante tutto l’arco della partita, compie una sola decente parata su Salah sul risultato già di 1-2. Per il resto causa il rigore, poi convertito da Milner, non trattenendo un pallone non difficile. Totalmente bocciato in Premier.

Liverpool (4-3-3): Alisson 6,5; Alexander-Arnold 5,5, Matip 6,5, Van Dijk 5, Robertson 6,5; Fabinho 5, Wijnaldum 6, Lallana 5,5 (dal 72′ Milner 7); Salah 5,5 (dal 90+2′ Sturridge SV), Firmino 6 (dal 72′ Origi 6), Mane 7. All: J. Klopp 6.

Sostituti non usati: Lovren, Mignolet, Moreno, Shaqiri.

Un Liverpool attento ma non cinico nel primo tempo, sebbene basti una sola reale occasione per passare in vantaggio. Poi l’inspiegabile errore, che per fortuna non produce danni irreparabili. Adesso due partite molto toste in casa.

Il migliore – Milner. Lo chiamano da tanti anni mr. reliable e un motivo ci sarà. Entra, batte un rigore pesantissimo, lo trasforma con pochissima fatica. Poi prende un fallo, lotta, ragiona. Un valore aggiunto in questo periodo.

Il peggiore – Van Dijk. Incredibilmente è proprio l’olandese delle meraviglie a finire dietro la lavagna oggi. Imperdonabile l’errore che consente a Babel di pareggiare. Ci può stare un attimo di calo, ci può stare un momento di deconcentrazione. Non però se ti stai giocando una partita del genere.