Bruce conferma: «Lazaro può giocare già domani»

Valentino Lazaro lascia ufficialmente l'Inter in prestito per andare al Newcastle dove, secondo Steve Bruce, potrebbe già esordire domani in FA Cup

0
138
Valentino Lazaro, ex Hertha Berlino, con la maglia dell'Inter. Photo by Getty Images

Valentino Lazaro è senza dubbio il colpo di questi ultimi sette giorni di calciomercato in casa Newcastle. Il classe ’96 austriaco, nato a Graz e di origini greche e angolane, arriva dall’Inter in prestito con diritto di riscatto. Nella conferenza stampa immediatamente successiva al suo arrivo ai Magpies, Steve Bruce lo ha introdotto in squadra. Il manager ha detto ai giornalisti: «è pronto, può giocare già domani».

Il poco spazio trovato in nerazzurro

L’arrivo di Lazaro all’Inter ha trovato la curiosità di molti addetti ai lavori. Nelle esperienze manageriali di Antonio Conte un ruolo decisivo hanno sempre svolto gli esterni. Come dimenticare l’esperienza di Victor Moses al Chelsea: un giocatore quasi dimenticato, reduce da diversi prestiti, letteralmente scongelato dall’allenatore pugliese e tra i principali ispiratori del successo in Premier League del 2017 dei Blues. Cifra importante quella che i nerazzurri sborsano per l’austriaco: 22 milioni di euro più bonus. L’esordio arriva in Champions verso metà settembre contro lo Slavia Praga. Lazaro entra a partita in corso per sostituire Candreva in una partita ripresa per i capelli nel finale ma, col senno di poi, decisiva per la mancata qualificazione.

Valentino Lazaro, ex Hertha Berlino, con la maglia dell’Inter. Photo by Getty Images

Sembra l’inizio di un buon inserimento nello scacchiere di Conte; in realtà si tratterà di un fuoco di paglia. Ad oggi sono solo sei le presenze in campionato per Valentino Lazaro, più quattro in Champions e una in Coppa Italia. Oggi l’ufficialità della cessione, ed è proprio Victor Moses, vecchio pupillo di Conte, a rimpiazzare l’esterno in nerazzurro.

L’arrivo ai Magpies: dove si colloca Valentino Lazaro

Sulle rive del Tyne l’austriaco trova un clima totalmente diverso. Il Newcastle non lotta per le posizioni di vertice nel proprio campionato, anzi naviga a metà classifica. Ciò non toglie che sia comunque una società storica, con una tifoseria – la mitica Toon Army – notoriamente esigente e che, negli ultimi anni dieci anni, ha vissuto due retrocessioni con altrettante risalite. La formula del trasferimento, secondo Gianluca Di Marzio, è ben definita: prestito oneroso a £1 mln più £20 mln per il riscatto in estate. Per aggiudicarsi l’esterno i Magpies hanno battuto la concorrenza di altri club europei, tra cui il Lipsia, ben posizionato in Bundesliga.

Lazaro arriva nel Tyneside nel mezzo di una situazione infortuni sugli esterni in casa Newcastle che è, senza mezzi termini, drammatica. Manquillo, Yedlin, Dummett e Willems sono tutti infortunati, gli ultimi due praticamente out fino a fine campionato. Steve Bruce ha fatto dunque ricorso al mercato: Lazaro appena arrivato, Danny Rose nel mirino (considerando il rapporto ormai in rottura tra il terzino della nazionale inglese e la dirigenza degli Spurs). L’esterno austriaco andrebbe a coprire la posizione sull’out di destra nella folta difesa dei Magpies. La difesa con tre centrali permetterebbe al neoarrivato di avere meno compiti difensivi e concentrarsi sulla sua maggiore vocazione di esterno a tutta fascia. Sarà importante capire soprattutto che tipo di legame creerà con i giocatori d’attacco, che hanno fatto molta fatica quest’anno in fase realizzativa (quello del Newcastle è il quartultimo attacco in Premier per gol segnati).

Steve Bruce in conferenza stampa ha subito chiarito le sue intenzioni su Lazaro. Photo by Getty Images

Intanto Bruce si gode il suo nuovo pupillo. Rispondendo alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa di avvicinamento alla partita di FA Cup contro l’Oxford United in programma domani alle 15 ora locale, il manager ex capitano del Manchester United è stato molto chiaro: «il giocatore è già qui, e questo è un buon segno. Se tutti i documenti saranno apposto entro domani ci sono ottime probabilità che possa già esordire». «C’erano altri due/tre club interessati a Valentino Lazaro – ha aggiunto Bruce – ma per fortuna siamo riusciti a portarlo qui».

Cosa ne pensate dunque dell’austriaco, diverrà permanente il suo trasferimento in estate o lo vedremo ancora con la maglia nerazzurra dell’Inter dalla fine della prossima estate?

di Daniele Calamia