L’ascesa di Nuno Espirito Santo: tre anni per risollevare i Wolves

0
281
Photo by Getty Images

Il vero simbolo del nuovo Wolverhampton è Nuno Espirito Santo: in tre anni esatti l’allenatore portoghese ha totalmente cambiato il volto del suo club, riportandolo finalmente in Europa dopo una lunghissima assenza e cercando la conferma per la seconda stagione consecutiva.

E pensare che al suo arrivo in Inghilterra la situazione non era delle migliori. I Wolves erano ancora in Championship ormai da troppo tempo, fermi in un loop durante il quale ci sono state anche due retrocessioni in League One. La Premier League sembrava soltanto un lontano miraggio, ma con Espirito Santo si è trasformata in una splendida realtà: al suo primo anno in panchina il portoghese ha conquistato la promozione diretta nella massima serie piazzandosi al primo posto in classifica, un traguardo inaspettato arrivato in un tempo così breve.

Photo By Getty Images

In una sola stagione il nuovo allenatore è riuscito a trasmettere alla sua nuova squadra quella personalità giusta che tanto era mancata negli ultimi anni, portando con sé dal Portogallo tanti innesti di qualità che sono diventati la colonna portante di tutto il club. Ma la promozione lampo è solo il primo traguardo raggiunto da Espirito Santo: anche al suo primo anno in Premier è riuscito a sbalordire il pubblico ottenendo la qualificazione ai preliminari di Europa League, superati poi brillantemente come tutti sappiamo.

E se il cammino europeo del Wolverhampton continua senza intoppi, il merito è soprattutto del portoghese, rivelatosi l’uomo giusto al momento giusto. Non era un’impresa da tutti riportare all’antico splendore una squadra operaia come quella dei Wolves, abituati da sempre a lottare con un calcio tipicamente britannico. Ma Espirito Santo, con il suo grande bagaglio di esperienze come calciatore prima e allenatore poi, ha saputo dare una nuova anima ai suoi lupi, trasformandoli nella più atipica delle inglesi: il gioco veloce e tanti giovani lanciati in prima squadra sono le due caratteristiche principali della sua gestione, destinata a durare ancora a lungo.

Il banco di prova del Wolverhampton però avrà attirati sicuramente le sirene di qualche big per la prossima stagione che non possono di certo ignorare il grandissimo lavoro del portoghese degli ultimi due anni. Espirito Santo ha dimostrato pienamente di essere a suo agio nel calcio inglese, tanto da stravolgerlo e riproporlo alla sua maniera, una dote che negli ultimi anni si è rivelata vincente in Premier League. Ecco perché dopo appena due stagioni potrebbe essere già pronto per il salto di qualità, quello che al momento si gode con i suoi Wolves.