Le tre cose che abbiamo imparato da Manchester City-Burnley 5-0

0
195

Gli uomini di Guardiola tornano in campo dopo la convincente prestazione della scorsa settimana contro l’Arsenal con l’obiettivo di consolidare il secondo posto in classifica. Il Burnley invece è al rientro dopo l’interruzione dovuta al Covid e, in caso di vittoria, potrebbe tornare in corsa per un posto in Europa League; traguardo difficilmente raggiungibile vista la concorrenza, ma per il momento ancora alla portata dei Clarets.

Partita però a senso unico fin dalle prime battute, infatti il Manchester City ha costantemente in mano il dominio del gioco. Il possesso palla dei Citizens è asfissiante, la difesa del Burnley appare costantemente in difficoltà. Bisogna attendere il minuto 22′ per vedere la prima rete del match firmata da Phil Foden. L’inglese, lasciato libero di tirare, da fuori area sorprende Pope. Sul finire della prima frazione di gioco ci pensa Mahrez a chiudere il match, infatti l’algerino segna una doppietta. Al minuto 42′ il fantasista, imbeccato da una sventagliata di Fernandinho, mostra per l’ennesima volta le sue doti di dribblatore fenomenale e mette a segno un gran gol; a primo tempo già concluso l’ex Leicester trova anche il 3-0 su rigore.

Neanche il tempo di rientrare dagli spogliatoi che David Silva segna il 4-0, lo spagnolo finalizza un’azione collettiva iniziata da un passaggio illuminante di Foden. Secondo tempo dominato dal Manchester City che trova anche il 5-0 di nuovo con Foden, l’inglese finalizza l’ennesima azione di squadra e chiude definitivamente la partita. Da segnalare che negli ultimi minuti c’è spazio anche per Sané nonostante sia dato in uscita da mesi.

Formazioni 

Manchester City (4-3-3): Ederson; Cancelo, Fernandinho (dal 61′ Laporte), Otamendi, Zinchenko; Bernardo Silva, Rodri, David Silva; Mahrez (dal 61′ De Bruyne), Aguero (dal 49′ Gabriel Jesus), Foden ( dal 79′ Sané).

Burnley (4-4-2): Pope; Lowton, Tarkowski, Mee, Taylor; Brownhill, Westwood, Cork, McNeil; Rodriguez (dal 60′ Pieters), Vydra (Thompson 88′).

Marcatori: Foden 22′, Mahrez 43′, Mahrez 48′, David Silva 51′, Foden 63′

Il migliore: Phil Foden, l’inglese mette a ferro e fuoco la difesa del Burnley. Il fantasista dispensa giocate di gran classe e illumina la manovra offensiva del City. Prestazione mostruosa del classe 2000 che firma la sua prima doppietta in Premier League. Dopo questa partita per Guardiola sarà difficilissimo lasciarlo in panchina.

Le tre cose che abbiamo imparato da Manchester City-Burnley:

  • La difesa del Burnley regge solamente un quarto d’ora. Il Manchester City fa quello che vuole nella trequarti avversaria, fin dalle prime battute infatti non c’è mai stata partita. I Clarets soccombono troppo facilmente e velocemente sotto i colpi dei Citizens.
  • Il reparto difensivo del Manchester City non va mai in affanno. Certamente non è stato un test impegnativo quello di stasera, ma la difesa che spesso ha balbettato quest’anno, in questa partita ha retto alla grandissima. Nota molto positiva per il tecnico catalano soprattutto in ottica Champions League.
  • Il Manchester City è in grandissima forma, in Champions ora come ora sarebbe la squadra da battere. Lo stato di forma dei ragazzi di Guardiola è straordinario, sono rientrati dalla pausa riposati sia mentalmente che fisicamente ed ora sono pronti per provare a vincere la tanta agognata coppa dalle grandi orecchie.

di Andrea Gozio